FANDOM



WikiHouse è un progetto open-source per disegnare e costruire piccole ed economiche case (principalmente in legno), partendo da strutture facilmente impilabili, leggere e che possano essere trasportate e montate da personale non specializzato, rese più rigide e resistenti rispetto ad una cabina in legno grazie ad una particolare sagomatura e struttura.[1][2] L'intenzione è rendere semplice e democratica la costruzione di abitazioni sostenibili, impiegando al contempo la minor quantità di materiali possibile.[1][2][3][4]

Wikihouse The Hub Westminster

Prototipo di WikiHouse a Westminster in Inghilterra.

Storia Modifica

Il progetto è iniziato durante l'estate del 2011, da parte di Alastair Parvin e Nick Ierodiaconou dell'impresa 00, una ditta londinese di design, assieme a Tav di Espians, James Arthur e Steve Fisher della Momentum Engineering.[5][6]

La prima presentazione è avvenuta nella Gwangju Design Biennale (in inglese) di Gwangju in Corea del Sud.[5][7] Da allora il progetto è cresciuto per includere molte sezioni nazionali attorno al mondo.[8]

WikiHouse consente agli utenti di scaricare piani di costruzione sotto licenza Creative Commons dal suo website, di modificarli con un programma chiamato SketchUp, e di utilizzarli per creare pezzi simili a un puzzle eseguite in compensato e/o in cartongesso con una macchina a controllo numerico, operata dal computer, nota come router CNC (in inglese) .[6]

La costruzione delle strutture di una WikiHouse non richiede di parti speciali (come giunti, chiodi particolari, travi in acciaio, ecc.) perché le parti di legno, relativamente piccoli pezzi, si incastrano e si agganciano assieme con connessioni tipo a cuneo, a dado, a piolo, a rilievo, con scanalature, spesso inspirate dall'architettura tradizionale della Corea.[9][10].

La struttura di una WikiHouse può essere assemblata in meno di un giorno da gente senza alcun addestramento formale nelle tecniche della costruzione.[9] Alla struttura poi deve essere aggiunto l'isolamento termo-acustico, il rivestimento murario (cladding), i cavi elettrici, del telefono, della televisione e della connessione ethernet (con fili RJ-45), e nelle aree della cucina e i bagni gli scarichi fognari e i tubi delle acqua corrente e delle acque grigie, prima che possa ricevere il certificato di abitabilità.[2][10]

Scale model of WikiHouse system 1.0 and 2.0

Scale models of two different WikiHouse designs

Al dicembre del 2013, non esistono WikiHouses abitate, anche se esiste qualche prototipo completo, oltre a una tettoia-rifugio per camminatori nella località di Fridaythorpe, in Gran Bretagna.[10] Queste WikiHouses sono strutture di un singolo piano, a pianta quadrata con tetti inclinati (che spesso sono il prolungamento delle pareti e piccole basi di concreto come fondazione che misurano circa 16,3 m2.[2]

WikiHouseRio Modifica

Dopo aver vinto una somma di denaro nell'esposizione TEDGlobal del giugno 2012, il progetto reinvestì il denaro ricevuto nel concorso in una partnership con il governo brasiliano, che si proponeva, tramite il progetto "Dharma" di mobilitare la gioventù per realizzre opere al servizio della collettività. L'agenzia di analisi BrazilIntel cooperava per costruire WikiHouses nelle più povere favela della città di rio de Janeiro. [4] L'obiettivo della partnership, denominato WikiHouseRio, era quello di fornire un singolo "opificio" dove si potesse installare un router CNC da condividere con la comunità mentre si consentiva e si incoraggiava i membri della comunità a sviluppare le proprie capacità e idee nel progettare e costruire questo tipo di edifici.[4][5] Il team WikiHouse si propone, eventualmente, di creare simili laboratori in altre comunità sottosviluppate nel mondo.[4] Vi sono anche piani per l'utilizzo di WikiHouses come case di emergenza da adoperare come primo rifugio d'emergenza (tenendole ripiegate in luoghi d'immagazzinamento, in paesi molto sismici come Haiti, il Giappone, e la Nuova Zelanda.[3]

Reazione dei media Modifica

La reazione dei media al progetto WikiHouse si è focalizzata soprattutto nell'enfasi dato alla natura sperimentale del progetto,[1][2], che è stata paragonata ai mobili dell'IKEA,[2][10] ed è stata messa in risalto la difficoltà potenziale nel trovare e finanziare i CNC routers.[1][4]

Lo scrittore di fantascienza Bruce Sterling ha dato un parere positivo sul progetto WikiHouse, descrivendolo molto favorevolmente, come un'abitazione che "Molto probabilmente io stesso potrei la costruire e abitarvi, personalmente".[11]

NoteModifica

  1. 1,0 1,1 1,2 1,3
  2. 2,0 2,1 2,2 2,3 2,4 2,5
  3. 3,0 3,1
  4. 4,0 4,1 4,2 4,3 4,4
  5. 5,0 5,1 5,2
  6. 6,0 6,1
  7. "00:/ at TED2013". 00:/Blog. 00:/. 27 February 2013. http://www.architecture00.net/blog/?p=2832. Retrieved 20 December 2013.
  8. "WikiHouse Community". WikiHouse.cc. WikiHouse. http://www.wikihouse.cc/community. Retrieved 20 December 2013.
  9. 9,0 9,1 McNicoll, Arion (5 August 2013). "How to build your home from scratch for $35,000". CNN. Turner Broadcasting System, Inc.. http://www.cnn.com/2013/08/01/tech/wikihouse-build-your-own-house/index.html. Retrieved 17 December 2013.
  10. 10,0 10,1 10,2 10,3 Goodwins, Rupert (16 December 2013). "Meet The People Who Want To Print A Home In A Day". Popular Science. Bonnier Corporation. http://www.popsci.com/article/technology/meet-people-who-want-print-home-day. Retrieved 17 December 2013.
  11. Sterling, Bruce (2 August 2011). "Architecture Fiction: WikiHouse". Wired. Condé Nast. http://www.wired.com/beyond_the_beyond/2011/08/architecture-fiction-wikihouse/. Retrieved 17 December 2013.

Collegamenti interni Modifica

Collegamenti esterni Modifica

Fonti Modifica



Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale