FANDOM


Ritmi Africani è una organizzazione non lucrativa di utilità sociale Italiana, fondata a Torino nel 2001 e iscritta all'anagrafe regionale delle O.N.L.U.S.

Ritmi Africani ha sede a Torino e Milano.

Storia

Ritmi Africani Onlus è un'associazione di volontariato nata nel 2001 a Torino con l'intento di sviluppare progetti di solidarietà in Senegal, Africa. Presenti in oltre 20 località distribuite in 6 regioni del Senegal e in Gambia, Ritmi Africani sostiene numerosi progetti in campo sanitario, educativo, agricolo e per l'inserimento lavorativo delle donne. Tutte le attività sono concepite, organizzate e gestite dalle comunità locali.

Valori e Obiettivi

I progetti sono volti all'auto organizzazione dei popoli,al cambiamento sociale e personale per mezzo della non violenza come metodologia d’azione. Ritmi Africani porta avanti numerose iniziative anche in Italia: attività di volontariato sociale, campagne contro la guerra e il razzismo, per lo sviluppo di una cultura della pace e della nonviolenza.

L'obiettivo dell'associazione é incoraggiare lo sviluppo autonomo di individui e popolazioni attraverso la creazione di gruppi e di reti di attivisti che vivono e praticano nel quotidiano principi quali la non violenza, la solidarietà, l’aiuto reciproco sia possibile costruire una realtà diversa, che ponga l'essere umano come valore centrale e affermi dunque i suoi diritti fondamentali.

Tutti i progetti si basano su due principi: l'auto organizzazione e la reciprocità. Per Ritmi Africani Auto-organizzazione significa coinvolgere attivamente la popolazione locale nelle decisioni e nell’organizzazione delle varie iniziative. Per reciprocitá Ritmi Africani intende che le persone si inseriscano in un progetto e si impegnino a dare ad altri quello che ricevono." Se hai migliorato le condizioni del tuo quartiere, puoi fare qualcosa per migliorare le condizioni di un altro quartiere; se hai imparato a scrivere e a leggere puoi insegnare ad altri."

Progetti

Educazione

Localitá:Diakine, Casamance, Senegal

Realizzazione di un centro sanitario e una biblioteca. Nuovo progetto: la costruzione di un foyer destinato ai giovani. Il foyer è un salone in cui si svolgeranno le riunioni del gruppo e verranno messe in moto attività culturali destinate all'intero villaggio. Nel foyer, inoltre, sarà possibile realizzare attività di auto finanziamento per il sostegno degli altri progetti in corso: il centro sanitario, la biblioteca, la necessaria riparazione della scuola elementare. Il progetto è gestito per intero dai volontari senegalesi, impegnati concretamente nella costruzione della struttura.

Salute

Località: Diourou, Casamance, Senegal

Diourou si trova a sei chilometri dalla città più grande, Bignona, dove è presente un ospedale. Le strade sono dissestate e i mezzi pubblici inesistenti. Per raggiungere l'ospedale occorre percorrere la strada a piedi o su un carretto trainato da asini. L'unica fonte di reddito per gli abitanti è rappresentata dall'agricoltura.

Il centro sanitario di Diourou: nel 2006 il governo senegalese ha finanziato la costruzione di un centro sanitariodi base a Diourou; la struttura, però, era stata lasciata vuota. Nel 2007 e nel 2008 l'associazione ha previsto il suo equipaggiamento, dotandolo del materiale necessario allo svolgimento delle attività sanitarie. Il centro ha oggi studio medico, sala visite, sala per la degenza (per i pazienti che devono essere trasportati all'ospedale di Bignona), bagno e doccia. E' gestito da un infermiere e da un comitato costituito dalle donne del villaggio. Nel corso dell'ultimo anno due donne hanno seguito un corso di formazione in ostetricia. Attualmente l'ambulatorio, chiamato "Case de santé", è un punto di riferimento non solo per Diourou, ma anche per i villaggi circostanti. Grazie all'acquisto dei kit per la diagnosi veloce della malaria, inoltre, vi si svolgono importanti attività di prevenzione sanitaria.

La "maternité": sono iniziati i lavori per l'ampliamento dell'ambulatorio e la costruzione di una struttura dedicata alle partorienti e ai neonati. La maternità servirà anche i villaggi circostanti e potrà realizzare campagne di vaccinazione. Il preventivo per la costruzione e l'equipaggiamento prevede 8500 Euro circa.

Agricoltura

Orti e allevamenti comunitari Località: Diourou (Casamance), 'Ngoloum (Kaolak), Babak (Thiès)

Allo stato attuale gli orti comunitari sono tre, ciascuno con caratteristiche diverse.

A Diourou é presente un terreno di un ettaro gestito dalle donne del villaggio. Durante la stagione secca si coltivano ortaggi e girasoli, durante la stagione delle piogge il riso, che sarà poi ripiantato nelle risaie. Vi sono numerosi alberi da frutta: limoni, aranci, manghi. E' in corso la ristrutturazione dei pozzi.

A Ngoloum il terreno misura 40 m x 40, vi si coltivano ortaggi quali insalata, cetrioli e, prevalentemente, melanzane. E' presente un bacino idrico. Il terreno può essere ampliato e, anche in questo caso, sono le donne a gestire l'attività.

A Babak vi é un ampio terreno intorno al pozzo messo a disposizione dell'associazione giovanile. In questo caso si coltiva prevalentemente il miglio.

Collegamenti esterni



Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.