FANDOM


Un detersivo è, in linea generale, un prodotto che serve a lavare.

Nello specifico, è un prodotto che modifica la tensione di un liquido e che, di fatto, toglie lo sporco da una superficie.

ComposizioneModifica

I detergenti sono composti principalmente di agenti pulenti, cioè tensioattivi di sintesi derivati dal petrolio; i tensioattivi (ad es. il sapone) sono prodotti che modificano la tensione superficiale dei liquidi; possono essere derivati dal petrolio o da ingredienti vegetali. Ad essi vengono aggiunti additivi: profumi, conservanti, coloranti, anticalcare, regolatori del pH, abrasivi, sbiancanti, enzimi, disinfettanti...

Azione chimica dei tensioattiviModifica

La molecola è un detersivo: :

  • polare, idrofilo (o lipofilo) con un OH, attrae l'acqua
  • ha una lunga catena idrofoba (o lipofila), che attira i lipidi (grassi e oli)

In un misto tra un detersivo e sporco di grasso: il grasso sarà attirato verso la parte lipofila, mentre la parte idrofila sarà attratto da acqua, permettendo la combinazione di entrambi ("micelle").

Ci sono:

  1. ltensioattivi anionici, generalmente usati per detergenti e prodotti per la pulizia
  2. tensioattivi cationici (ammonio quaternario), utilizzato principalmente per ospedali e industrie, per le loro proprietà disinfettanti
  3. tensioattivi anfoteri, ionizzati negativamente o positivamente a seconda delle condizioni ambientali;
  4. tensioattivi non ionici comunemente utilizzati nel settore tessile, metallurgia e prodotti cosmetici (igiene personale e di bellezza) per la loro minore aggressività.

I tensioattivi non sono direttamente (o indirettamente) derivanti da prodotti petrolchimici, ma la parachimica: le basi di prodotti usate sono l'ammoniaca (per la fabbricazione di tensione cationici), ma anche alcool grassi derivati da oli vegetali (per saponi e per la maggior parte dei tensioattivi non ionici). La produzione e lo smaltimento possono essere pericolosi per l'ambiente e la salute. A dosi elevate, il sapone può essere pericoloso per l’ambiente.

Gli effetti dei detergenti classiciModifica

InquinamentoModifica

I detersivi sono coinvolti a livello di inquinamento dell'aria interna. L'Associazione francese dei consumatori (UFC) nel suo mensile "Que Choisir" ha riscontrato che alcuni detergenti (lavapavimenti) producono formaldeide (Metanale), irritante, allergenico, ma la maggior parte sono cancerogeni. Alcuni detersivi emettono anche alcuni composti organici volatili (COV). Queste emissioni sono preoccupanti a causa delle emissioni e perché i COV vengono emessi anche diverse ore dopo la pulizia.

Il Regolamento UE 648/2004, di attuazione da ottobre 2005, impone una biodegradabilità primaria dell' 80% e 60% di biodegradabilità in 28 giorni per i tensioattivi (i principali componenti dei detergenti per la casa). Le prove di biodegradabilità misurano con maggiore precisione la "mineralizzazione". Gli scienziati ritengono che un mineralizzazione del 60%, cifra che tiene conto della diversità della flora batterica in Europa (necessario per biodegradazione), corrisponde a un 100% biodegradabile.

Sostanze dannose per l'ambiente Modifica

Alcuni componenti di detergenti per la casa hanno un impatto sull'ambiente:

  • Ci sono ancora alcuni fosfati nei detersivi e nei prodotti per lavastoviglie. Essi vengono usati come emollienti. Tuttavia, i fosfati sono responsabili di maree verdi che soffocano laghi e fiumi.
  • Nella maggior parte dei detersivi, il fosfato è stato sostituito da zeolite, che non è biodegradabile, ma non causa le maree verdi e altri tipi di eutrofizzazione.
  • EDTA, un altro agente emolliente, forma complessi con i metalli che si trovano nei fiumi.
  • Alcuni profumi sintetici non sono biodegradabili.
  • L'ipoclorito di sodio, ovvero la candeggina, denatura le proteine per la liberazione di ione cloro, dunque è nocivo per organismi e piante acquatiche.
  • L'ipoclorito di sodio può essere sostituito con lo sbiancante carbonato di sodio, non inquinante.


Rischi per la saluteModifica

Molti detergenti sono tossici. Si devono leggere attentamente le precauzioni d'uso per evitare incidenti. I detergenti devono essere tenuti lontano dalla portata dei bambini.

Alcuni ingredienti come i profumi di sintesi o i conservanti possono causare delle allergie.

I vapori disperdono i prodotti chimici (tra cui i COV) sotto forma di piccole goccioline che vengono assorbite facilmente.

Usare meglio i detersiviModifica

  • Dosaggio: usare troppo detersivo è uno spreco, e non dà risultati migliori!
  • Olio di gomito: i prodotti che promettono "pulito senza fatica" dicono bugie, e sono dei concentrati di elementi tossici. Per togliere lo sporco serve strofinare: i detersivi aiutano solo a farlo venir via più facilmente.
  • La varietà: i fabbricanti moltiplicano i prodotti: per il bagno, per la cucina, per i pavimenti... è molto più conveniente scegliere dei prodotti multi-uso!
  • La candeggina: non pulisce, è un disinfettante. Se proprio volete usarla, dovete comunque prima usare un detergente.
  • I prodotti antibatterici: non fatevi prendere dalla paranoia dei microbi!! Usare degli antibatterici è inutile (i batteri ricompaiono dopo pochi minuti!) e porta a ceppi di batteri più resistenti. Un detergente normale basta e avanza.
  • Abbasso l'usa-e-getta: pulire con prodotti usa-e-getta costa molto più caro della combinazione detergente+spugna, e inquina molto di più!!
  • Quel buon odore di pulito...: il pulito NON HA odore. I profumi dei detergenti sono dati da molecole prodotte sinteticamente, e possono essere allergizzanti, tossici o addirittura cancerogeni.

Le etichetteModifica

A differenza di quanto accade per i cosmetici, in Europa i produttori di detersivi non sono obbligati a fornire in etichetta la composizione completa. Spesso vengono menzionati solo pochi elementi, e senza fornire le quantità. Il "naturale" è un buon elemento di marketing, ma spesso i detersivi che "sanno di natura" (profumo di limone, di pino etc.) contengono solo degli aromi sintetici... altro che estratti vegetali! Anche i prodotti "al sapone di marsiglia" spesso ne contengono meno del 5%! Non ci si può nemmeno fidare di riferimenti all'ambiente: alcuni prodotti vantano una biodegradabilità del 90% dei loro tensioattivi... senza considerare che la legge impone che lo siano a PIU' del 90%!! Inoltre, questo non impedisce che i detersivi siano comunque inquinanti, a causa della restante percentuale di tensioattivi non biodegradabili e degli altri ingredienti che contengono. L'indicazione "non testato sugli animali" non è una garanzia: significa solo che il prodotto finito non è stato testato sugli animali, ma nulla dice sulle materie prime.

I detersivi che hanno una ecolabel hanno un minor impatto sull'ambiente. Nei negozi di prodotti biologici sono disponibili detersivi a base di ingredienti naturali e meno tossici per l'ambiente e per la nostra salute. I detersivi si possono anche fabbricare in casa.

Fabbricare i propri detersiviModifica

Detersivo per piatti e lavastoviglieModifica

Ingredienti:

  • 3 limoni
  • 400 ml di acqua
  • 200 g di sale
  • 100 ml di aceto (bianco)

Preparazione:
Tagliare i limoni a rondelle togliendo i semi ma lasciando la buccia. Frullarli molto a lungo e finemente insieme ad un po' di acqua e al sale.
Mettere la miscela in una pentola, aggiungere l'acqua rimanente e l'aceto e far bollire per circa 10 minuti mescolando.
Quando si è addensato e raffreddato mettere in vasetti di vetro.

Preparazione alternativa tagliare il limone in due, spremerlo (la spremuta verrà messa successivamente insieme agli altri elementi) rigirare la buccia che si romperà. Sarà ora più facile separare la parte spugnosa attaccata alla buccia dalla parte fibrosa che conteneva il succo (quest'ultima non servirà alla creazione del detersivo). Ora sminuzzare parte spugnosa-buccia, frullare e seguire il resto del procedimento esposto qui sopra.

Preparazione potenziata

  • 5-600 g di limoni
  • 350 g di acqua
  • 200 g di sale
  • 150 g di aceto

Procedimento:
Tagliare i limoni a pezzetti togliendo solo i semi, frullare con un po' dell'acqua per una manciata di secondi in modo da avere una poltiglia grossolana, aggiungere il resto dell'acqua, l'aceto ed il sale e far bollire per 10 minuti mescolando in modo da non far aderire il preparato alla pentola. Aspettare che il preparato si sia raffreddato un po' e frullarlo nuovamente. Anche in questo caso, grazie alla bollitura, una manciata di secondi basteranno a renderlo un prodotto cremoso. Versare in barattoli di vetro e conservare in frigo fino all'apertura. Il freddo tende a mantenerne più a lungo le proprietà.

Uso:
Lavastoviglie: due cucchiai. Attenzione: NON mischiate questo detersivo con quelli industiali.
A mano: secondo necessità. Per stoviglie molto unte, si può mescolare ad un po' di detersivo industriale.


Detersivo per piatti "veloce" se si possiede un camino funzionante Usare cenere setacciata e limone...


invece bollendo la cenere si crea la liscivia (che si può usare per fare il sapone usandola al posto della soda ) ma questo argomento andrebbe approfondito da qualcuno che ne sappia un po' di più.

Pulisci-tuttoModifica

Ingredienti:

  • 100 ml di alcool per fare i liquori
  • 400 ml di acqua distillata
  • 8-10 gocce di detersivo per piatti
  • qualche goccia di olio essenziale per profumare.

Preparazione:
Miscelare il tutto in uno spruzzatore.

Uso:
Va bene sia come pulitore "universale" (mobili etc.) sia per i vetri.


Detersivo per il bucatoModifica

Ingredienti Modifica

  • 100 gr di sapone di Marsiglia in scaglie
  • 1 litro di acqua distillata
  • 40 gr di potassa
  • 2 ml di olio essenziale a scelta

Preparazione Modifica

  • Far bollire le scaglie di sapone, la potassa e l'acqua fino al completo scioglimento del sapone.
  • Far raffreddare. Quando è a temperatura ambiente, aggiungere l'olio essenziale e mescolare con cura. Passare nel frullatore o col minipimer.
  • Si conserva per 3 mesi

Uso Modifica

  • In lavatrice: 30 ml
  • A mano 10: ml in 10 litri d'acqua

Bibliografia Modifica

Collegamenti interni Modifica

Collegamenti esterniModifica

Fonti Modifica




Abitare Portale Abitare: accedi alle voci di Verdiana-Wikia che trattano di Abitare
Vivere insieme Portale Vivere insieme: accedi alle voci di Verdiana-Wikia che trattano di Vivere insieme

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale