FANDOM


La danza verticale è una pratica artistica ibrida eseguita su diversi tipi di superfici verticali, è un insieme di danza e tecniche e attrezzature di arrampicata su roccia, è spesso una miscela di movimenti che si articola tra rapporti non tradizionali con la forza di gravità.

Questo linguaggio artistico utilizza le superfici verticali come palcoscenico e spesso sconfina nell'aria modificando parametri e creando differenti opportunità di movimento. Gli spazi naturali per la danza verticale sono gli edifici che diventano teatro e contesto per le sfide fisiche in un costante adattamento grazie alle opportunità offerte ad ogni performance dalle sempre diverse strutture architettoniche.

La danza verticale si svolge al di sopra del suolo e i danzatori salgono o sono sospesi nella parte alta degli edifici, indossano imbragature e sono sostenuti da una corda. Il pubblico di solito, ma non sempre, guarda la performance dal basso. La danza verticale è in genere praticata in spazi non convenzionali, come ad esempio muri e pareti di edifici urbani o su pareti rocciose in località rurali. La danza verticale si svolge lontana da terra, e in appoggio contro superfici verticali architettoniche o naturali, che forniscono il 'piano' sul quale danzare.

La danza verticale si diffonde in Italia a partire dagli anni 90 dalla ricerca artistica intrapresa dalla coreografa Wanda Moretti (Venezia, 1961) e in seguito dall'attività di formazione realizzata dalla coreografa negli anni successivi. Nel 1994 insieme al musicista Marco Castelli (Venezia, 1960) fonda la Compagnia Il Posto Danza Verticale specializzata in performance site specific di danza verticale i cui spettacoli sono eventi unici mirati a rileggere le architetture dalle quali si sviluppa la drammaturgia.

Compagnie nel mondo Modifica

Le compagnie di danza verticale presenti nel panorama mondiale che svolgono attività professionale e continuativa con visibilità nei mezzi di comunicazione e nel web sono un centinaio[1]. La danza verticale viene anche chiamata aerial dance, danse escalade[2], abselling dance[3]. Questa tecnica di danza non è molto diffusa e le sue origini risalgono agli anni 60/70 in America e in Francia parallelamente. Esiste oggi poca letteratura al riguardo e nessuna scuola di formazione se non quelle scuole che preparano alle discipline aeree in generale praticate da artisti acrobati, per queste ragioni è spesso erroneamente associata alla pole dance o alla danza con il tessuto elastico silk dance o aerial fabrik o ancora a tutte quelle tecniche che prevedono un progetto artistico del corpo in sospensione in aria. Mentre la danza verticale deriva specificatamente dalla sperimentazione coreografica e dalla ricerca sul movimento praticata da performer con una formazione di danza.

File:Il Posto Company, 2007.jpg

NoteModifica

  1. http://verticaldancecompany.blogspot.it
  2. http://www.cndc.fr/site/index.php?option=com_content&view=article&id=593&Itemid=393
  3. http://www.bbc.co.uk/news/uk-18847759

Bibliografia Modifica

  • Jayne C.Bernasconi, Nancy E.Smith, Aerial dance, Champaign Human Kinetics, 2008 ISBN 9780736073967
  • Bachelard, Gaston La poetica dello spazio, Bari Nuova ed. Dedalo, 2006 ISBN 88-220-0130-3
  • Sally Banes, Tersicore in scarpe da tennis: la post-modern dance, Macerata Ephemeria, 1993 ISBN 88-87852-01-4
  • Valerie A. Briginshaw, Dance, space and subjectivity, New York Palgrave Macmillan, 2009 ISBN 0333919734
  • Trisha Brown, Dialogue: On Dance. Performing Arts Journal 1, no. 2, 1976 ISSN 1520-281X
  • Rossella Mazzaglia, Trisha Brown, Palermo L'Epos 2007 ISBN 978-88-8302-329-3
  • Rossella Mazzaglia ed Adriana Polveroni, Trisha Brown. L’invenzione dello spazio, Reggio Emilia 2009, Pistoia, Gli Ori, 2010 ISBN 978-88-7336-302-6
  • Jeremy Melvin, Terpsichore and the architects. The Architectural Review 216, no. 1290, 2004
  • Wanda Moretti, L'arte, il museo, il corpo. Arte documento, no.20, Venezia Ed della Laguna 2004 ISSN 1121-0524
  • Wanda Moretti Danza e Architettura, la percezione dello spazio strutturato. Arte documento, no. 21, Venezia Ed della Laguna 2006 ISSN 1121-0524
  • Wanda Moretti, Il movimento e l'opera d'arte. Arte documento, no. 22, Venezia Ed della Laguna 2007 ISSN 1121-0524
  • Wanda Moretti, Pedagogia del Patrimonio. Arte documento, no. 24, Venezia Ed della Laguna 2008 ISSN 1121-0524

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterni Modifica

Fonti Modifica



Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale